giovedì 31 agosto 2017

Tre apparizioni dall'Inferno

E' dogma di fede che esista l'Inferno, e chiunque non creda all'esistenza di questo luogo di perdizione eterna, sappia che è venuto meno alla Fede Cattolica. Similmente sappia di aver mancato alla Fede Cattolica colui che neghi che nell'Inferno vi è fuoco, ed è un fuoco reale e non solo immaginario (Ite, maledicti, in ignem aeternum!). L'insegnamento sull'Inferno è dogmatico, ed è contenuto nei decreti del Concilio di Firenze (1439), che ribadì inoltre il dogma di extra ecclesiam nulla salus, ricordando poi anche che "le anime di quelli che muoiono in stato di peccato mortale attuale o con il solo peccato originale scendono immediatamente all'inferno per esservi punite con diverse pene" (DS 1306).

Mosaici (particolare) della Basilica di S. Maria Assunta a Torcello , Venezia, IX secolo

Tratto da "L'Inferno c'è" di don Giuseppe Tommaselli SDB

I. Tutti sanno che la Chiesa, prima di elevare qualcuno agli onori degli altari e dichiararlo «Santo», esamina attentamente la sua vita e specialmente i fatti più strani e insoliti. Il seguente episodio fu inserito nei processi di canonizzazione di San Francesco De Geronimo (1642-1716), celebre missionario della Compagnia di Gesù, vissuto nel XVII secolo. Un giorno questo sacerdote predicava a una gran folla in una piazza di Napoli. Una donna di cattivi costumi, di nome Caterina, abitante in quella piazza, per distrarre l'uditorio durante la predica, dalla finestra cominciò a fare schiamazzi e gesti spudorati. Il Santo dovette interrompere la predica perché la donna non la smetteva più, ma tutto fu inutile. Il giorno dopo il Santo ritornò a predicare sulla stessa piazza e, vedendo chiusa la finestra della donna disturbatrice, domandò cosa fosse capitato. Gli fu risposto: «È morta questa notte improvvisamente». La mano di Dio l'aveva colpita. «Andiamo a vederla», disse il Santo. Accompagnato da altri entrò nella camera e vide il cadavere di quella povera donna disteso. Il Signore, che talvolta glorifica i suoi Santi anche con i miracoli, gli ispirò di richiamare in vita la defunta. San Francesco di Girolamo guardò con orrore il cadavere e poi con voce solenne disse: «Caterina, alla presenza di queste persone, in nome di Dio, dimmi dove sei»! Per la potenza del Signore si aprirono gli occhi di quel cadavere e le sue labbra si mossero convulse: «All'inferno!... Io sono per sempre all'inferno»!

II. Viveva a Londra, nel 1848, una vedova di ventinove anni, ricca e molto corrotta. Tra gli uomini che frequentavano la sua casa, c'era un giovane Lord di condotta notoriamente libertina. Una notte quella donna era a letto e stava leggendo un romanzo per conciliare il sonno. Appena spense la candela per addormentarsi, si accorse che una luce strana, proveniente dalla porta, si diffondeva nella camera e cresceva sempre più. Non riuscendo a spiegarsi il fenomeno, meravigliata spalancò gli occhi. La porta della camera si aprì lentamente e apparve il giovane Lord, che era stato tante volte complice dei suoi peccati. Prima che essa potesse proferire parola, il giovane le fu vicino, l'afferrò per il polso e disse: «C'è un inferno, dove si brucia»! La paura e il dolore che quella povera donna sentì al polso furono così forti che svenne all'istante. Dopo circa mezz'ora, ripresasi, chiamò la cameriera la quale, entrando nella stanza, sentì un forte odore di bruciato e constatò che la signora aveva al polso una scottatura così profonda da lasciar vedere l'osso e con la forma della mano di un uomo. Notò anche che, a partire dalla porta, sul tappeto c'erano le impronte dei passi di un uomo e che il tessuto era bruciato da una parte all'altra. Il giorno seguente la signora seppe che la stessa notte quel giovane Lord era morto. Questo episodio è narrato da Mons. De Sègur che così commenta: «Non so se quella donna si sia convertita; so però che vive ancora. Per coprire agli sguardi della gente le tracce della sua scottatura, sul polso sinistro porta una larga fascia d'oro in forma di braccialetto che non toglie mai e per questo particolare viene chiamata "la signora del braccialetto"».

III. A Roma, nel 1873, verso la metà di agosto, una delle povere ragazze che vendevano il loro corpo in una casa di tolleranza si ferì a una mano. Il male, che a prima vista sembrava leggero, inaspettatamente si aggravò, tanto che quella povera donna fu trasportata urgentementesono dannata all'ospedale, dove morì poco dopo. In quel preciso momento, una ragazza che praticava lo stesso «mestiere» nella stessa casa, e che non poteva sapere ciò che stava avvenendo alla sua «collega» finita all'ospedale, cominciò a urlare con grida disperate, tanto che le sue compagne si svegliarono impaurite. Per le grida si svegliarono anche alcuni abitanti del quartiere e ne nacque uno scompiglio tale che intervenne la questura. Cos'era successo? La compagna morta all'ospedale le era apparsa, circondata di fiamme, e le aveva detto: «Io sono dannata! E se non vuoi finire anche tu dove sono finita io, esci subito da questo luogo di infamia e ritorna a Dio»! Nulla poté calmare l'agitazione di quella ragazza, tanto che, appena spuntata l'alba, se ne partì lasciando tutte le altre nello stupore, specialmente non appena giunse la notizia della morte della compagna avvenuta poche ore prima all'ospedale. Poco dopo, la padrona di quel luogo infame, che era una garibaldina esaltata, si ammalò gravemente e, ben ricordando l'apparizione della ragazza dannata, si convertì e chiese un sacerdote per poter ricevere i santi Sacramenti. L'autorità ecclesiastica incaricò della cosa un degno sacerdote, Mons. Sirolli, che era il parroco di San Salvatore in Lauro. Questi richiese all'inferma, alla presenza di più testimoni, di ritrattare tutte le sue bestemmie contro il Sommo Pontefice e di esprimere il proposito fermo di mettere fine all'infame lavoro che aveva fatto fino allora. Quella povera donna morì, pentita, con i conforti religiosi. Tutta Roma conobbe ben presto i particolari di questo fatto. Gli incalliti nel male, com'era prevedibile, si burlarono dell'accaduto; i buoni, invece, ne approfittarono per diventare migliori.

Nessun commento:

Posta un commento